Al secondo piano del palazzo di via Po, sede della Lux Film, proprio sotto gli uffici di Riccardo e Renato Gualino, Guido Maggiorino Gatti discuteva dei progetti con i piu' grandi produttori della storia del cinema italiano. Era amministratore delegato, direttore della Lux e musicologo: le sue scelte non potevano prescindere dalla musica del film. Fu lui a notare un piccolo film ignorato dal pubblico, La pattuglia sperduta, musicato dal maestro Goffredo Petrassi, che per la prima volta scriveva una colonna sonora per il cinema. Da allora il giovane produttore Franco Cristaldi lavoro' sempre per la Lux.
Il cinema si e' sempre nutrito di musica, musicisti e musicologi, del rumore e del silenzio. Il conflitto tra esperienza ottica e acustica produce quindi
Il cinema sonoro che puo' essere realizzato come Contrappunto audiovisivo. Il cinema non puo' prescindere dalla musica, fin dai suoi albori, ben prima dell'invenzione del sonoro.
Allo spettatore il compito di guardare e ascoltare. Perche' oggi il cinema italiano torna a farsi sentire.


Barbara Corsi

Il festival città di Lagonegro, per la migliore colonna sonora,  ha premiato il film...Il_film_premiato.html